Gambe, cuore e una buona bicicletta sono gli unici elementi di cui avete bisogno per partecipare alla prima edizione del Wolf BikeTour, organizzata da Cyclopride ASD in collaborazione con l’ASD Mario Pelino  il 6 e 7 settembre 2014. Non si tratta di una Marathon competitiva, ma di un Grand Tour unico nel suo genere, almeno in Italia, in cui alla passione della bicicletta si affianca il desiderio di scoprire la bellezza e la cultura della Regione più verde d’Europa.

Con i suoi tre Parchi (Parco Nazionale d’Abruzzo, Parco Nazionale della Majella e Parco Nazionale del Gran Sasso), il Parco Regionale del Sirente e le innumerevoli aree protette naturali e marine l’Abruzzo è infatti il cuore pulsante del turismo natura della nostra Penisola.

Per questo Gran Tour ciclistico abbiamo scelto strade “zitte”, cioè poco interessate dal traffico automobilistico, dove sarà più facile incrociare  un cinghiale, un lupo, un cervo, un capriolo, un orso che una FIAT.

Faranno da cornice ai chilometri di asfalto macinati durante i due itinerari previsti (il primo di 52 km e il secondo di 140 km), valli solitarie di rara bellezza, canyon, piccoli laghi e paesi dalle antiche tradizioni incastonati tra le dorsali dell’Appennino Centrale.

La bicicletta è il mezzo migliore per godere appieno il fascino di questa terra, ma anche il calore e la gentilezza propri della sua gente. Un’ospitalità fatta di gesti e sorrisi, ma anche di prodotti enogastronomici, che saranno offerti ai partecipanti lungo i punti di ristoro dell’intero Grand Tour. Non solo integratori salini e aminoacidi ramificati per la performance sportiva, ma anche (e soprattutto) prelibatezze della tradizione dell’Abruzzo montano, come salumi, formaggi, pane casereccio e arrosticini, il tutto accompagnato da un buon bicchiere di Montepulciano per farvi risalire in sella di buon umore, e affrontare la salita successiva magari un po’ appesantiti, ma certamente più contenti.

Il Wolf Tour Cyclopride non è una competizione, ma un viaggio di scoperta in bicicletta in cui l’unico vincolo è quello di avere buone gambe, saper godersi la vita, amare la bicicletta e la natura…e concludere l’itinerario entro la tarda ora stabilita dall’organizzazione.

L’appuntamento è per il 6 e 7 settembre a Sulmona nel cuore dell’Abruzzo. Sono invitati tutti i cicloamatori esperti d’Italia e d’Europa che abbiano voglia di pedalare, ma anche di guardare con gli occhi e con il cuore.

ITINERARI

6 settembre

Partenza ore 8,30 arrivo entro le ore 12,30

Primo itinerario / 52 km. Partenza dall’Abbazia Celestiniana nei pressi di Sulmona. Si prosegue per la cittadina che si attraversa lungo Corso Ovidio. Ci si avvia poi verso il bivio di Pacentro, salendo successivamente a Cansano, dove i partecipanti potranno godere della prima sosta. Rinvigoriti dai prodotti tipici locali si sale a Campo di Giove a 1.064 m s.l.m dove è posta la seconda sosta. Dopo la pedalabile ascesa di un paio di km a Fonte Romana si raggiunge il bivio di Passo S. Leonardo. Da qui inizia un volo di una decina di km che porterà i partecipanti a Pacentro dove si potrà godere dell’ultima sosta prima di buttarsi in discesa sulla Morronese che porterà il gruppo a concludere il percorso nuovamente all’Abbazia Celestiniana.

 

7 settembre

partenza ore 6,30 arrivo entro le ore 19,30

Secondo itinerario / 150 km.  Partenza dall’incomparabile Piazza Garibaldi di Sulmona. Si sale a Bugnara e poi ad Anversa degli Abruzzi e quindi Cocullo. Da qui inizia la vera ascesa verso Olmo di Bobbi. Un paio di km prima di Pescina si gira a sinistra al bivio con direzione Ortona dei Marsi, dove inizia il Parco Nazionale d’Abruzzo. Si pedala dentro il Parco in un ambiente unico e suggestivo con direzione S. Sebastiano e a seguire Bisegna. Alle pendici del monte Palombo (2.013 m) ci si immette sulla S.S.83 con direzione Pescasseroli. Prima di raggiungere il paese, che rappresenta la capitale del Parco, guardando sulla sinistra si può ammirare il Monte Marsicano (2.242 m).  Dopo Pescasseroli (1.167 m s.l.m.) si pedala verso Opi (1.250 m s.l.m.) e infine verso Civitella Alfedena (1.121 m s.l.m.). I partecipanti costeggeranno le splendide acque del Lago di Barrea, per raggiungere Villetta Barrea (990 m s.l.m.). Inizia da qui l’ascesa di più di dieci km verso Passo Godi. Giunti a Passo Godi (1.630 m s.l.m.) il più è fatto. Per raggiungere Scanno (1.050 m s.l.m.) è tutta discesa, ammirando il bellissimo lago di Lambiamo, passando sotto il famoso santuario della Madonna. Sempre in discesa si raggiunge Anversa degli Abruzzi e poi si sale a Bugnara. Da lì, nuovamente discesa fino a tornare a Sulmona, il punto di partenza.

 

QUOTA DI ISCRIZIONE

La quota di iscrizione è di 25 euro per ogni singolo itinerario e di 40 euro per chi si iscrive a entrambi i tour (6 e 7 settembre).

L’iscrizione garantisce l’accesso a tutti i punti di ristoro predisposti lungo i due itinerari. A ogni stop i partecipanti potranno gustare prodotti enogastronomici della tradizione locale (dolci tipici, salumi, formaggi, pane casereccio acqua e vino). Al termine di entrambi i Tour è previsto un festoso ristoro di fine giro.

Gli iscritti hanno diritto, oltre che a una pettorina  e una targhetta da  fissare sulla bicicletta, ad una sacca gara che conterrà prelibatezze locali.

Tutti i partecipanti del Wolf Bike Tour e i loro accompagnatori hanno diritto ad uno sconto del 20% sulle attività e sui servizi ricettivi elencati, che offriranno loro anche un servizio di ricovero per la propria bicicletta.

Cosa ne pensi?