irf-4-image

Essere un attivista per la mobilità sostenibile a tempo pieno è un impegno che può far rimpiangere la zappa nell’orto. Ma le scelte sono scelte, quindi passiamo agli strumenti. La zappa, appunto. Per noi sono i dati, dati affidabili, sui quali costruire argomenti, politiche, strategie, sia per la propria struttura (in questo caso, CycloPride Italia APS) sia per concertare con altre associazioni un programma di azioni comuni.

Per le statistiche sui trasporti mi sono sempre affidato a The World Bank, la banca mondiale, un ente internazionale che registra e mette a disposizione molti dati su scala mondiale. Improvvisamente, tutte le tabelle sul trasporto sono scomparse. Aspettavo, in particolare, l’aggiornamento sul numero di automobili private per 1000 abitanti, per l’Italia fermo al 2012. Ho scritto alla redazione delle statistiche di World Bank, e mi hanno risposto che avevano smesso di usare la loro fonte, l’International Road Federation di Ginevra, per espressa richiesta di quest’ultima.

Sono loro, un ente no profit che promuove lo sviluppo delle strade nel mondo, ad avere infatti i dati migliori e più aggiornati sul trasporto, sia individuale che collettivo, relativo a tutti i paesi del mondo. Perché mai quindi avrebbero improvvisamente scelto di non far più divulgare i loro dati? Si potrebbero fare molte congetture in risposta a questa domanda, anche osservando bene le finalità e i partner dell’ente in questione. Ma torniamo ai dati.

La soluzione c’è, ed è acquistare il rapporto IRF World Road Statistics 2015 direttamente alla fonte. Quanto costa? A seconda del volume (cartaceo, digitale, e le diverse combinazioni tra questi) si va da un minimo di € 553,00 a un massimo di € 2.164,00 per i soci IRF, altrimenti partiamo da € 821,00 per arrivare a € 3.368,00. Diventare socio costa da un minimo di € 803,00/anno. Alla faccia dell’informazione democratica, mi verrebbe da dire. Ma siccome sono un buon topo d’archivio, i dati li ho trovati lo stesso, anche se non così precisi come quelli di IRF. I dati sono del 2013, la fonte è la Commissione Europea. Eccoli qua:

Automobili private per 1000 abitanti, Italia: 608; Veicoli registrati, Italia: 36.963.000; Percentuale di spostamenti, per veicoli, Italia: automobile privata 79,7%; bus e pullman 13,2%; ferrovia 6,3%; tram e metropolitane 0,9%. Totale: se togliamo Islanda, Lussemburgo, Lichtenstein, Monaco e San Marino siamo il paese con più automobili private in Europa, e al mondo.

 

 

 

Cosa ne pensi?