ph. Lee McCoy - CC license BY_ND 2.0

ph. Lee McCoy – CC license BY_ND 2.0

Avere con sé uno o più frutti da consumare durante la giornata è un’investimento in una fonte di energia sempre disponibile. La frutta e la verdura sono le soluzioni più adatte per uno snack fuori pasto, perché aiutano a reintegrare i liquidi, arricchiscono di fibre, rinfrescano, dissetano e non appesantiscono l’organismo con grassi in eccesso. A seconda della stagione, i frutti cambiano la loro capacità di essere portati con sé in borsa o nello zaino, specialmente per un ciclista.

Il frutto principe per il ciclista è la banana, una merenda ad alta capacità di sali minerali tra i quali il potassio, utile per ridurre gli effetti dello sforzo muscolare. Ma la banana corre il rischio di ammaccarsi durante il trasporto in bici: la soluzione migliore è quindi il portabanana in plastica, del tipo usato dai bambini a scuola. Se a casa avete tempo, preparate dentro un contenitore ermetico la frutta sbucciata e tagliata in pezzetti, come ad esempio il kiwi, ricchissimo di vitamina C, o il melone, fresco e profumato oltre che proteico: ecco pronta una macedonia a pedali! Bene anche una bella mela croccante o un agrume come l’arancia, che hanno il vantaggio di poter essere portate così come sono.

Stessa preparazione per la verdura. Un peperone fresco, tagliato a listarelle, dei gambi di sedano o delle carote pulite e tagliate in bastoncini, o al limite un cetriolo (quest’ultimo da sbucciare all’ultimo momento, a meno di non condirlo) sono tutte verdure che si prestano ad essere portate con sé, come anche i finocchi, da tagliare in quattro spicchi, ottimi anche insieme a pezzetti di arancia, conditi con olio e sale.

Se si ha bisogno di un rifornimento di energia potente e veloce in vista della pedalata di fine giornata l’optimum è la frutta in guscio come le noci, le nocciole, le mandorle e quella secca, ad esempio albicocche, fichi ed uvetta: danno la carica giusta senza appesantire troppo in vista della cena. In generale, frutta e verdura fuori pasto possono essere accompagnate da gallette di riso soffiato, cracker, grissini o specialità come il pane sardo o quello azzimo.

Non dimenticate il cioccolato, solo se del tipo fondente, con oltre il 70% di cacao, gli altri sono in generale troppo grassi e troppo dolci. Il cioccolato extra amaro è una riserva di energia e di oligoelementi (flavonoidi e altri antiossidanti, epicatechina, fosforo, potassio, magnesio) perfetta per chi pedala.

Iscriviti a CycloPride Italia APS, scopri i vantaggi!

Cosa ne pensi?