Ho sempre amato la bicicletta, e ho sempre amato passeggiare in montagna. Così, quando penso al migliore dei mondi possibili mi viene da pensare a una vacanza dove si arriva in rifugio in bicicletta, e poi si visitano le valli e ci si inerpica per bricchi a piedi, zaino in spalla.

La prospettiva non è fantastica? Sì, come molti sogni è una prospettiva fantastica, ma irrealizzabile: raggiungere un rifugio in  bici col proprio bagaglio in spalla e poi mollare la bici e inerpicarsi a piedi richiede un fisico d’acciaio: pochi possono permetterselo, solo quelli super allenati.

E poi, dove lasciare la bici, e come si fa se al terzo giorno si rompe? Oltre ad aquile e marmotte ci sono meccanici ciclisti in quota?

Bene: l’organizzazione del Tirolo austriaco e le nuove tecnologie della pedalata assistita hanno dato una risposta a queste domande, rendendo possibile  oggi l’E-hiking  (bici elettrica+escursionismo) nella meravigliosa valle dell’Ötztal.

Lì è possibile affittare una e-bike in perfette condizioni, che col suo motore elettrico aiuterà i nostri muscoli a percorrere in salita dislivelli anche importanti.

Si arriva in rifugio, attrezzato per custodire la bici ed eventualmente  ricaricarne la pila, e di li si abbandonano i panni del ciclista per rientrare in quelli dell’escursionista.

Familienfest

Poi si torna al rifugio, si riprende la propria e bike e si  sfreccia a valle ( tra l’altro, diciamocelo, scendere a valle a piedi a volte è un poò noisoso…).

Fantastico, no?

Alle basi di questo nuovo concept di E-Hiking c’è tantissima organizzazione: i punti di noleggio per e-bike sono tanti, e vengono continuamente ampliati; ogni e-bike è perfettamente manutenuta, è munita di una catena antifurto e presso i rifugi ci sono depositi o rastrelliere portabici. Così gli e-biker possono lasciare in tutta tranquillità la bici presso il rifugio e incamminarsi a piedi verso la vetta.

E adesso andate qui a studiare da vicino questo nuovo  modo di vivere nel verde le vostre vacanze.

Cosa ne pensi?