C’è ancora chi in Italia pensa che la bici a pedalata assistita sia una sorta di supporto ortopedico per chi non riesce a pedalare.

I molti che l’hanno già comprata ormai sanno che non è cosi. La e-bike è, semplicemente, una super bici che permette di risparmiar fatica, o aumentare le proprie potenzialità di viaggio, senza perdere il piacere di pedalare.

La e-bike è una super bike perché ti rende un super ciclista e ti regala un supplemento prezioso di libertà. Con buona pace dei talebani della pedalata solo muscolare, che non sanno quello che si perdono (cosa che, in generale, capita spesso ai talebani).

Sono in molti a pensare che il futuro baricentro della mobilità sostenibile sia proprio la e-bike. E se in Olanda, patria dei Pedali, ormai oltre il 30% della popolazione ne ha comprata una, questa tesi sembra credibile. Perché? Le ragioni sono molte: con una buona e-bike d’estate in città non sudi più anche se sei in giacca e cravatta e ti dirigi a un appuntamento, le salite in città puoi affrontarle pedalando senza sforzi particolari ma puoi anche rendere più ambiziosi i tuoi obiettivi escursionistici in montagna, toccando cime e visitando luoghi dove con la sola forza muscolare non saresti mai potuto arrivare.

E ha un altro vantaggio che, prima di provarla, non avevo immaginato: il motore elettrico la rende più sicura perché a un semaforo, a un incrocio, a uno stop e tutte le volte che occorre, la ripresa «assistita» è maggiore, e questo diminuisce il differenziale di velocità con le auto. Quindi, in una situazione pericolosa, ci si toglie di torno più rapidamente.

La crescita esponenziale del mercato delle ebike sta attirando nuovi player, spesso già straordinariamente competitivi e capaci.

E’ il caso di RMS, una società leader in Italia nella distribuzione di ricambi e accessori per bici, moto e scooter. Sono entrati alla grande nel mercato italiano delle e-bike con la distribuzione esclusiva di due aziende tedesche di eccellenza: la EBIKE.DAS ORIGINAL e la Kettler, entrambe con prodotti di altissima qualità, per un pubblico di nicchia che possa spendere almeno 2400 euro per questi capolavori di tecnologia.

Ma è un prezzo davvero alto? E’ davvero un pubblico di nicchia quello a cui si rivolge la RMS con i suoi splendidi prodotti? Facciamo due conti: una ebike NON consuma benzina, se non pochi spiccioli di elettricità all’anno; la ebike NON deve pagare l’assicurazione, NON paga bollo, consente di accorciare le distanze rispetto a qualunque altro mezzo (per esempio attraversare un parco, o muoversi in un’isola pedonale), e regala punti sia alla salute del proprietario che a quella del pianeta. Le ebike top di gamma come quelle distribuite da RMS non costano più di uno scooter, ma a differenza di uno scooter in un paio d’anni siete rientrati dall’investimento.

Ma tutto quello che ho scritto vale poco, se non ne provate una: e il 13 e 14 Maggio a Milano, in Piazza del Cannone, in occasione del CycloPride Day Milano 5^ edition RMS vi darà modo di farlo. Passate, pedalate anche solo 100 metri, e il commento (uguale a quello di tutti gli amici a cui l’ho fatta) sarà sicuramente questo: che figata!!!

 

Avrete di che divertirvi, con le MTB Kettler hi-performance per lo sport e i modelli city bike EBIKE.DAS ORIGINAL dal design raffinatissimo e con dettagli artigianali.

Iscriviti a CycloPride Italia APS, scopri i vantaggi!

Cosa ne pensi?