La nona uscita di Cicloparole è il racconto L’incantastorie e Altavantilena, di Massimo Penitenti. L’autore ha raccontato di un dono, quello che la bicicletta rappresenta nelle vite di tutti. C’è un personaggio decisamente particolare, l’Incantastorie, che non perde occasione di reinventare la realtà. La sua, di realtà, è quella di una persona diversa dalle altre, con una sua profondità. La profondità che si fa presto a giudicare, o a emarginare.

Massimo Penitenti

Libera i bruchi dalle noci; cammina, raccontando la sua immaginazione, senza curarsi che qualcuno lo ascolti, fino a incantare perfino le sue stesse storie: ecco l’Incantastorie, come lo chiama l’altro personaggio. L’incantastorie è spesso preda di un brutto malore, il maldelloscordare, che lo lascia ai margini della vita normale. C’è una bici, abbandonata ma non inservibile, che l’autore e narratore decide di regalare, nonostante il pericolo, al suo amico Incantastorie.

La bici cambia la vita delle persone, e il racconto di Massimo Penitenti è essenzialmente questo. Per l’Incantastorie, sarà forse la possibilità di invertire il corso del tempo: con un’altalena su cui si possa fare un giro, come su una bici: l’Altavantilena.

L’Incantastorie e l’Altavantilena. Menzione speciale a Il Bicicletterario 2016.

Massimo Penitenti

Nasce a Bolzano il 29 gennaio 1962. Dal 1992 Vive a Minturno (Latina)  dove in quanto compositore tipografico e linotipista apre nel vicino comune di Cellole una piccola tipografia, attualmente trasformata in cartotecnica al servizio dei colleghi stampatori. Trasferisce, da una decina di anni, propri pensieri, brevi racconti e poesie sul suo blog “I miei solchi” e le immagini delle sue opere in legno d’olivo sul blog “Cucchette e Forchiai“. Opera per la difesa dell’ambiente fondando con gli amici il Comitato Antinucleare Garigliano, di cui cura il blog, dal quale ha promosso l’ultimo referendum contro la produzione di energia elettronucleare, e segue da vicino lo smaltimento della ex centrale del Garigliano, partecipando all’apposito “Tavolo della Trasparenza” della Regione Campania. Ha collaborato con funzionari della Regione anche alla riapertura del “Tavolo della Trasparenza” laziale.

Scarica il racconto di Massimo Penitenti, iscriviti alla nostra newsletter! Basta compilare il form qui in fondo alla pagina.

Iscriviti a CycloPride Italia APS, scopri i vantaggi!

 

 

Cosa ne pensi?